Comunicazioni UIBM riguardanti numerazione delle domande italiane di brevetto

24 marzo 2017

Si trasmette qui di seguito comunicazione UIBM relativa all'oggetto.

"Come noto, a partire dal 2015, l’utilizzo della doppia numerazione -codice numerico di 15 cifre attribuito dal nuovo sistema di deposito e codice alfanumerico di 12 cifre , sul modello “telemaco” (numerazione che comincia con le lettere UB –UA) – per le domande di brevetto si è reso necessario per due ordini di motivi:

• la gestione delle procedure di esame con il vecchio sistema interno UIBM anche dopo l’avvio del nuovo sistema di deposito
• la necessità di dare all’EPO, su espressa richiesta di quell’ufficio, un periodo di tempo adeguato per adattare i propri applicativi alla nuova numerazione italiana.

Rispetto alle comunicazioni a suo tempo inviate (per pronto riferimento riportate qui sotto), si informa che:

le domande di brevetto per invenzione industriale, depositate dal 1° Luglio 2016, vengono inviate all’ufficio europeo con la nuova numerazione a 15 cifre (es.:102016000009999).
Nelle scorse settimane sono già pervenuti i primi rapporti di ricerca che riportano la nuova numerazione . Come noto , e come già succedeva per la numerazione “telemaco”, l’EPO effettua l’elisione di alcune cifre, per cui il numero che compare in alto a destra nel rapporto è predisposto nel modo seguente IT201600009999.

Per le domande depositate dal 1° Luglio, quindi, è pienamente operativa la nuova numerazione, eccetto che per alcuni aspetti marginali, come, per esempio, la denominazione del file con cui inviamo via PEC il pacchetto contenente RR e ministeriale di esame, che riporta ancora la vecchia numerazione alfanumerica con UA- -UB, e l’oggetto della ministeriale che contiene l’indicazione di entrambi i numeri.
I riferimenti alla vecchia numerazione saranno eliminati completamente, sempre per le domande depositate dal 1° Luglio 2016, con la transizione ai nuovi sistemi informatici anche della procedura di invio dei rapporti di ricerca.

In linea con quanto sopra detto, qualora si rivendichi all’EPO la priorità di una domanda italiana depositata dal 1° Luglio 2016 , il sistema EPO richiede l’inserimento del nuovo codice numerico a 15 cifre, mentre le priorità riferentisi a domande depositate antecedentemente al 1° Luglio richiedono l’inserimento del vecchio codice alfanumerico. L’’Ufficio europeo ha pubblicato in merito sul proprio sito web, nella sezione delle FAQ dell’ eOLF, specifiche indicazioni (si veda all’indirizzo: http://www.epo.org/service-support/faq/online-services/filing.html#faq-927 )."

Cordiali saluti

Il Consiglio

 

Comunicazioni UIBM riguardanti nuova numerazione delle domande italiane -17 luglio 2015

Considerata la necessità, espressa anche da codesto Ordine, di mettere al corrente le istituzioni europee e internazionali che si occupano di proprietà industriale delle modifiche che, a seguito della messa in esercizio del nuovo sistema di deposito online , sono state introdotte nella numerazione delle domande italiane, apposite note informative, corredate di esempi e schede di dettaglio, sono state inviate dal Direttore Generale in data 3.7.2015 all’Ufficio europeo dei brevetti, all’OMPI e all’UAMI. Per facilitare la gestione delle priorità italiane, a partire da questa settimana i documenti di priorità riguardanti domande che sono state depositate con il sistema Telemaco hanno nella pagina iniziale l’indicazione , oltre che del codice alfanumerico generato da Telemaco, anche del nuovo numero derivante dalla conversione. (Si ricorda che i nuovi numeri derivanti dalla conversione dei numeri Telemaco sono riconoscibili in quanto hanno alla settima cifra un “9” invece di uno “0”). Inoltre si specifica che anche i documenti di priorità riferiti a domande di brevetto depositate con il nuovo sistema avranno l’indicazione del codice alfanumerico che inizia con le lettere UB, attribuito nel nostro sistema di gestione delle pratiche.


Per quanto riguarda i rapporti di ricerca dell’’EPO, poiché l’UIBM sta attualmente gestendo le procedure con i vecchi sistemi si è reso necessario attribuire alle domande depositate con il nuovo sistema una numerazione di comodo che rispecchi i codici alfanumerici utilizzati in precedenza. Pertanto nelle prossime settimane , e per un periodo transitorio necessario per adeguare anche i sistemi di gestione UIBM e EPO, nel rapporto di ricerca sarà indicato il detto codice alfanumerico anche nelle domande depositate con il nuovo sistema. La lettera di esame che accompagna tutti i rapporti di ricerca indicherà entrambi i numeri. Ogni utente, per un ulteriore riscontro potrà consultare la banca dati dell’UIBM www.uibm.gov.it/dati che riporta nella corrispondente scheda entrambe le numerazioni (esempio : una domanda con numerazione 102015000000028 viene numerata anche come UB2015A000003 e nel rapporto di ricerca verrà indicato il codice UB20150003).

Torna

 
  • 1085_20171231 Staging AfterPixel Test

    31 dicembre 2017

    Lorem ipsum

    Continua a leggere

  • La questione dei "servizi di vendita" - classe 35.

    28 giugno 2017

    Il Consiglio desidera informare gli iscritti che la questione della protezione dei "servizi di vendita" - classe 35 - e dei numerosi rilievi contrari emessi dall'UIBM, in merito alla quale,

    Continua a leggere

  • UIBM: AGGIORNAMENTI AL TAVOLO DELLE ASSOCIAZIONI DI IMPRESE E DI COMMERCIANTI - 26 GIUGNO 2017

    26 giugno 2017

    Riportiamo in allegato aggiornamenti UIBM del 26 giugno 2017

    Continua a leggere

  • UNIVERSITA' DI MESSINA - MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CREAZIONE DI UN ELENCO DI CONSULENTI/SOCIETA' IN PI PER EVENTUALE AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI BREVETTAZIONE

    22 giugno 2017

    Si trasmette l'allegata documentazione:

    Continua a leggere

  • 20 GIUGNO 2017 - MILANO - RIFLESSIONI SULLA CAPACITA' DISTINTIVA

    20 giugno 2017

    Il Seminario, organizzato dall'Ordine dei Consulenti in Proprietà Industriale, si terrà il 20 giugno 2017 presso la sede dell'Ordine - Via Napo Torriani, 29 - Milano, dalle ore 10.00 alle ore 12.30.

    Continua a leggere

CHI SONO I CONSULENTI IN PROPRIETA' INDUSTRIALE?

...

Seguiteci su
Elenco iscritti Notiziario Comunicazione agli iscritti Brexit